banche

Confedercontribuenti, Commissione banche, il duello tra CONSOB e Bankitalia una sceneggiata a danno dei correntisti

La Commissione d’inchiesta sulle banche si trasforma in un ring: il Direttore generale di Consob e il responsabile della vigilanza di Bankitalia i protagonisti di questo scontro ma a pagarne per il momento i correntisti.

L’aula della commissione di inchiesta sulle banche si trasforma in un’arena di scontro. Da una parte la Banca d’Italia, dall’altra la Consob. Entrambe tornano in Commissione dopo gli interventi della scorsa settimana per fornire maggiori chiarimenti su alcuni punti, prima singolarmente, poi uno contro l’altro e successivamente insieme in una sorta di confronto all’americana.

Banca d’Italia non segnalò all’authority i  “problemi” di Veneto Banca in vista dell’aumento di capitale del 2013 e anzi indicò che l’operazione era “strumentale a obiettivi previsti dal piano per effettuare eventuali acquisizioni coerenti con il modello strategico della banca salvaguardando liquidità e solidità”. Il tema del prezzo delle azioni dell’aumento di capitale lanciato dagli istituti veneti era già stato oggetto di scambio di accuse le scorse settimane. Pertanto che la Commissione, a sorpresa, ha scelto di audire in forma testimoniale i due, sotto giuramento, quindi con valore di testimonianza, esattamente come se si trovassero in un’aula di tribunale.

La CONSOB come si evince anche dal sito istituzionale dovrebbe:

  • Vigilare sulle società di gestione dei mercati regolamentati, sulla trasparenza e l’ordinato svolgimento delle negoziazioni, sulla trasparenza e la correttezza dei comportamenti dei soggetti che operano sui mercati finanziari;
  • Regolamentare la prestazione dei servizi e delle attività di investimento da parte degli intermediari, gli obblighi informativi delle società quotate nei mercati regolamentati e le operazioni di appello al pubblico risparmio;
  • Autorizzare i prospetti relativi alle offerte pubbliche di vendita e i documenti d’offerta concernenti offerte pubbliche di acquisto, l’esercizio dei mercati regolamentati nonchè le iscrizioni agli Albi delle imprese di investimento;
  • Controllare dati e notizie fornite al mercato dagli emittenti quotati e dai soggetti che fanno appello al pubblico risparmio con l’obiettivo di assicurare un’adeguata e trasparente informativa;
  • Sanzionare le condotte illecite;
  • Comunicare con gli operatori e il pubblico degli investitori per un più efficace svolgimento dei suoi compiti e per lo sviluppo della cultura finanziaria dei risparmiatori;
  • Collaborare con le altre autorità nazionali e con gli organismi internazionali preposti all’organizzazione e al funzionamento dei mercati finanziari.

Banca d’Italia ha tra le  principali funzioni quella di  assicurare la stabilità monetaria e la stabilità finanziaria, considerandoli  i  requisiti indispensabili per un duraturo sviluppo dell’economia.  Ha anche funzione di sorveglianza con  supervisione sui mercati, affinché venga garantita la stabilità del sistema finanziario.

“La Consob, come la Banca d’Italia,  non hanno vigilato  – sottolinea e conferma quanto già dichiarato in passato il presidente nazionale di Confedercontribuenti Carmelo Finocchiaro –  a danno dei correntisti e del sistema economico. Lo scaricabarile non giova a nessuno tranne che perdere ulteriore tempo utile a danno sia di imprese che famiglie  che si trovano sul lastrico mentre ancora rimangono impuniti i veri colpevoli.  Gli italiani e le imprese ma anche i risparmiatori hanno subìto abusi, vessazioni e soprusi.  Sono migliaia i casi dove emergono, nei rapporti con i clienti  anche casi di usura e anatocismo.

Cosa fare allora?

“Come in passato non è accettabile che il controllore sia rappresentato dal 95% dei controllati. Banca d’Italia deve essere  pubblica cosi come previsto dalle disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari che imponevano entro la fine del 2008 alle banche azioniste di Bankitalia di cedere le proprie partecipazioni, affinché il capitale dell’istituto di vigilanza tornasse in mano pubblica. Per anni abbiamo richiesto una commissione di inchiesta, che è arrivata seppur in ritardo, ma se si vuole fare chiarezza e sopratutto giustizia affinché chi ha effettivamente spagliato paghi a ristoro delle imprese e delle famiglie danneggiate, la si può comunque garantire” conclude Finocchiaro ricordando che è sempre utile far analizzare il proprio rapporto diffidando da chi propone comunque facili risoluzioni .

banca d'italia consob

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...