Confedercontribuenti news

Il carburante in Italia perché è caro?

Analisi di cosa fa lievitare il costo del carburante, elemento importare per l’andamento dei prezzi

Secondo i dati di Cargopedia, risalenti al 31 Ottobre scorso, appare evidente che la situazione europea è quantomeno variegata:

il prezzo del carburante

Tenendo come quota di soglia il valore medio, pari a 1,228€ al litro, è da notare come quasi tutta l’Europa centro-orientale sia al di sotto di questo valore.

In cima alla classifica negativa troviamo anche la nostra Italia che rispetto al prezzo finale per il consumatore, anche a fronte di un costo industriale tutto sommato in linea con gran parte dei paesi europei, i veri fattori che determinano fanno lievitare i prezzi italiani ai vertici d’Europa sono la tassazione fiscale e le accise: Il prezzo si compone di tre parti: il prezzo netto del combustibile, che include anche il guadagno dei gestori della pompa, le accise e l’Iva.

Ogni volta che il consumatore acquista un singolo litro di carburante è obbligato a pagare una notevole quota di tasse, di origine diversa tra cui anche le famose accise, ovvero una quota dovuta allo Stato come imposta sui consumi. Oltre all’IVA al 22% ci sono 17 tipi di accise:

1) 0,000981 euro: finanziamento per la guerra d’Etiopia (1935-1936)

2) 0,00723 euro: finanziamento della crisi di Suez (1956)

3) 0,00516 euro: ricostruzione dopo il disastro del Vajont (1963)

4) 0,00516 euro: ricostruzione dopo l’alluvione di Firenze (1966)

5) 0,00516 euro: ricostruzione dopo il terremoto del Belice (1968)

6) 0,0511 euro: ricostruzione dopo il terremoto del Friuli (1976)

7) 0,0387 euro: ricostruzione dopo il terremoto dell’Irpinia (1980)

8) 0,106 euro: finanziamento per la guerra del Libano (1983)

9) 0,0114 euro: finanziamento per la missione in Bosnia (1996)

10) 0,02 euro: rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri (2004)

11) 0,005 euro: acquisto di autobus ecologici (2005)

12) 0,0051 euro: terremoto dell’Aquila (2009)

13) da 0,0071 a 0,0055 euro: finanziamento alla cultura (2011)

14) 0,04 euro: emergenza immigrati dopo la crisi libica (2011)

15) 0,0089 euro: alluvione in Liguria e Toscana (2011)

16) 0,082 euro (0,113 sul diesel): decreto “Salva Italia” (2011)

17) 0,02 euro: terremoto in Emilia (2012).

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...